Diventare Avvocato nel 2019: La Guida Definitiva

Sono le 7:05 del primo lunedì di marzo.

Fuori fa ancora freddo, ma il peggio è passato: il cielo è azzurrissimo e tra poco sarà di nuovo primavera.

Io, come d’abitudine, sono davanti al computer portatile e ripasso tutte le task che mi aspettano nelle prossime ore.

Devo chiedere l’estrazione di un fascicolo in Procura e poi correre dal Giudice di Pace per sostituire un collega.

Verso fine mattinata poi riceverò un nuovo cliente.

Non lo conosco, ma mi ha scritto su LinkedIn quindi deve essere uno alla mano.

A pranzo ho appuntamento con due amici.

Entrambi praticanti avvocati, ma in due situazioni differenti.

Il primo ha sostenuto l’esame da avvocato lo scorso dicembre, per la prima volta nella sua vita, ed è destinato a vivere nell’incertezza fino a giugno, in attesa dei risultati del Ministero.

Il secondo invece, ancora ignaro di quello che lo aspetta, ha finito la pratica qualche mese dopo e punta a quello del 2019.

Per noi questa prova è un vero e proprio chiodo fisso.

Certo, parliamo di calcio, serie tv e dei nostri obiettivi come fanno tutti i ragazzi della nostra età, ma questo è un passaggio obbligato ed una fonte di stress mica da poco.

Oggi però sarà diverso.

Mi hanno invitato per un motivo ben preciso: si festeggia.

Finalmente, dopo tanto lavoro, si va in scena.

ll mio nome è Gianmaria e sono il fondatore di NextLawyer.


Il primo ecosistema digitale sul diritto che rivoluziona la comunicazione nel mondo legale introducendo un metodo facile e vincente nella vita degli studenti, dei praticanti e degli avvocati.


Si tratta dello strumento definitivo per approcciare al meglio la sfida dell’esame di stato e per impostare con successo la tua carriera da avvocato nel periodo storico che, dati alla mano, è il più competitivo di sempre.

Come ti ho già anticipato nel video introduttivo ho 26 anni e circa un anno e mezzo fa mi sono laureato in Giurisprudenza.

Ho affrontato tutto il percorso universitario a modo mio.

Insofferenza e poche chiacchiere – sono piuttosto chiuso – nella sola convinzione che, finito il calvario degli studi, l’incertezza sul futuro che mi portavo dietro dall’inizio sarebbe stata spazzata via di colpo.

Dissolta come neve sotto il sole, davanti a mille opportunità di lavoro, di guadagno e di vita.

E così l’università è finita, ma la sensazione di incertezza invece è aumentata.

Perché?

Se dovessi provare a spiegarti quali sono stati alcuni dei campanelli di allarme potrei dirti che:

  • Il percorso di studi di giurisprudenza del nostro paese prevede cinque anni (che nella maggior parte dei casi diventano sei) di teoria, teoria e ancora solo e soltanto teoria. Il sistema produce senza sosta libri enormi e costosissimi, slide e concetti astratti e poi, giunto al momento della verità, ti ritrovi in uno studio legale senza aver mai alzato una penna in vita tua o peggio ancora: a dover sostenere un esame obbligatorio di tipo pratico, per esercitare la professione per la quale hai investito più di metà della tua vita, ma che in tutta evidenza pare essere sconosciuto ai professori universitari che mai una volta – ripeto MAI una volta in sei anni – ti metteranno concretamente alla prova;
  • Ho visitato tutti i continenti del mondo, ma non ho mai incontrato le stesse difficoltà di comprensione che ho in Tribunale o alle lezioni sul diritto. C’è un salto generazionale accelerato esponenzialmente dall’esplosione della tecnologia che ha creato un solco, una frattura impossibile da ricomporre tra noi e loro. Semplicemente non parliamo la loro lingua e loro non parlano la nostra. Ma come faccio ad imparare se nemmeno capisco quello che mi stai dicendo?
  • Non esiste professione libera come quella dell’avvocato. Da una parte si tratta di uno dei lati positivi che mi hanno spinto a scegliere questo mondo (nei prossimi articoli sarò più specifico), ma allo stesso tempo questa completa mancanza di schemi e di cinture di sicurezza rischia di confondere e di far sentire davvero spaesati gli ultimi arrivati. È un’arma a doppio taglio.
  • Infine, come già visto, la tecnologia ha stravolto ogni mercato esistente compresi anche quelli in cui il suo utilizzo non è immediatamente percepibile, come quello legale. Per molti si tratta di un binomio impossibile e questo determina, in Italia, un’arretratezza senza pari.

Allora, una volta laureato, mi sono reso conto che non ero uscito dalla ruota del criceto, anzi. Avevo appena firmato un contratto a tempo indeterminato.


Per mia fortuna ne venivo da alcune esperienze imprenditoriali che, positive o meno, avevano cambiato per sempre il mio modo di pensare.

Tutto sommato ero in grado di comprendere le esigenze delle persone come me.

Di riconoscere le mie insicurezze nella loro quotidianità, nei miei stessi sguardi, e di comunicare in maniera semplice, veloce e comprensibile con gli strumenti giusti.

Non importa quante siano le difficoltà.

Una cosa è certa.


La passione ci ha portato fino a qui.


Ho capito che il cambiamento che stavo cercando non poteva arrivare da nessuno se non da me.

Ho compreso tutto questo e una sera di dodici mesi fa, nella mia testa, ha bussato alla porta, per la prima volta, NextLawyer.

Quella che è nata come una ribellione della mia coscienza, oggi non solo si tratta di realtà, ma di vera e propria impresa.

Un gruppo composto da avvocati e tanti altri professionisti al tuo servizio per costruire la migliore carriera da avvocato di nuova generazione.

Siamo qui per fornirti quei consigli e quelle indicazioni pratiche che trasformeranno i praticanti in avvocati e gli avvocati nei vertici di un mercato che è cambiato e, che piaccia o no, da adesso obbedisce a nuove regole.

Non si tratta della versione digitale di quei manuali di diritto da duemila pagine.

Il nostro mercato non è quello del diritto, ma del metodo.

L’esame da avvocato è una prova sia fisica che mentale e NextLawyer nasce con il preciso scopo di fornirti un piano d’azione per aumentare al massimo le tue chance di successo.

Qui troverai soluzioni vere, suggerimenti vincenti e tutti i trucchi non politically correct messi in atto, prima di te, dagli avvocati di nuova generazione.

Sta iniziando un percorso che ti trasformerà nell’avvocato di domani, oggi.

Ogni articolo, ogni contenuto presente sul blog e sui profili social sarà un pezzo del puzzle.

Un passaggio fondamentale per costruire la tua immagine e per migliorare la tua preparazione.

Una guida online che si sviluppa e cresce insieme a te.

Nei prossimi articoli ti racconterò tutto, ma se non vuoi perdere nemmeno un minuto allora comincia subito.

Scarica, proprio qui sotto, gratuitamente e con un click, la guida definitiva per l’avvocato praticante da mettere subito in atto.





Già fatto?

Vieni a trovarci sui nostri canali social e raccontaci a che punto del viaggio sei arrivato.

Te lo stai godendo?

Vogliamo conoscere le tue avventure, i momenti più difficili e quelli che non dimenticherai mai.

Quali sono i tuoi obiettivi?

Raccontaci tutto e preparati per entrare nella community sul diritto che cambierà le regole del gioco una volta per tutte.

A presto,

GDR